I limiti dello Slack locale italiano

La comunità italiana WordPress, come alcune altre comunità sparse per il pianeta, utilizza la versione gratuita di Slack per poter discutere e coordinarsi tra i vari Team locali come i Polyglots e il Supporto.

Ultimamente questa scelta è diventata un problema perché nella versione gratuita i messaggi più vecchi di tre mesi vengono rimossi, non mantenendo più memoria delle discussioni precedenti o di altre informazioni preziose che sono tutte destinate all’oblio.

Al momento di adottare la versione gratuita di Slack questo limite non era presente, e quindi per diversi anni abbiamo utilizzato Slack con risultati positivi.

Ora questo è un problema condivisibile e ora siamo ad un punto in cui si apre la discussione sul cosa fare per superare questo limite.

Ne ho parlato su Slack WP internazionale dove è venuta l’idea di aprire dei canali delle comunità locali in quanto lo Slack internazionale è in versione a pagamento e quindi senza limiti di messaggi, poi però ci si è fermati, perché questo richiederebbe almeno prima una discussione generale tra tutte le comunità.

I pro di essere tutti insieme nello Slack internazionale sono quelli di avere una maggiore interazione tra comunità e tra i Team dei canali internazionali

È venuta anche in mente la possibilità di adottare Discord , che è molto simile a Slack e nella versione gratuita non ha i limiti, almeno per ora, della durata dei messaggi.

Cosa ne pensi?

Siamo tutti invitati ad aggiungere un’opinione qui sotto in merito sulla possibile soluzione del grosso limite che ora ha il nostro Slack della comunità italiana.

è presente una discussione anche nel canale #community dello slack italiano WordPress

Grazie

4 commenti a “I limiti dello Slack locale italiano

  1. Ciao! Grande Cristiano per aver fatto partire la conversazione, sto seguendo altre community per vedere che cosa facciano loro, sono curiosa di sapere che ne pensa quella italiana e vedere in che direzione preferisca andare.

  2. I have already mentioned some moments in Make WordPress Slack,

    but once again, sharing some experience by our (Russian) community since 2016

    It is possible to save Slack history for selected channels into SQLite database,
    which can be extracted, searched and whatever you can do with that

    Step 1, start with DataExport fom Slack Preferences (owners,primary owners)

    You can use this export as is and as source for Slack bot.

    Step 2, Install (instructions available) https://github.com/docmarionum1/slack-archive-bot
    requirements: a server with permanent IP address (VPS or hosting with shell access and permission for background python processes), bot will open 1 port to receive connections from Slack.

    Bot maintains .sqlite database up to data for channels where the bot is invited.
    Bot can search for messages across all database

    Step 3, unfortunately can’t post a working link. Some slack2html extraction script can save history from .sqlite database into plain html , or dependent on your needs you can code some of your own beautiful stuff.
    An ugly example available at https://mei.xyniana.ru/yui/slack/

    Basically it suits our needs to keep history and search for some old-times discussions,
    there is quite lack of beauty and elegance, as well as some features, but we can live with it.

  3. Non vedo controindicazioni a migrare eventualemente sullo Slack INT. Come ha scritto @lopo sul nostro Slack #community, dovrà essere stabilita un policy per i nomi dei canali e dovremmo ottenere la possibilità di creare canali con una certa autonomia. Non ho mai usato Discord, ma mi fa un po’ sorridere perché lo usa mio figlio adolescente per coordinarsi con i suoi amici per giocare a Call of Duty o altre diavolerie simili (e quindi nella mia testa è associato a quel mondo lì).

  4. Il problema sollevato da Cristiano è serio e, a mio parere, non ha soluzioni a breve a meno di implementare soluzioni drastiche quali migrare su una nuova piattaforma (Discord, Mattermost) con il risultato negativo di perdere per strada persone (o magari di lasciare dentro solo quelle effettivamente attive). Nello Slack INT, avremmo la possibilità di creare channel a nostro piacimento, privati e pubblici? Al momento, personalmente, non ho soluzioni ma penso che, qualsiasi sia la decisione da prendere, necessitiamo di un lavoro preparatorio (pubblicitario della cosa ed organizzativo per i team esistenti) molto lungo per mettere in ordine le cose prima di una migrazione, qualsiasi essa sia.

Lascia un commento