Supporto » Funzionalità = Plugin » Gutenberg F.A.Q

  • Q: Cos’ è Gutenberg?

    A: “Gutenberg” è il nome del progetto nato per creare un nuovo approccio editoriale su WordPress. L’obiettivo è creare un nuovo metodo per per la creazione e la modifica di articoli e pagine, che renda facile a chiunque creare elaborate impaginazioni. Questo era l’obiettivo di partenza:

    L’editor creerà una nuova esperienza di costruzione di pagine e articoli che agevolerà la scrittura di articoli complessi e con i “blocchi” renderà semplice quello che oggi è prodotto da shortcode, HTML personalizzato ed embed discovery di “provenienza incerta”.

    Le linee guida principali includono i seguenti punti:

    • La creazione di contenuti elaborati è un punto di forza di WordPress.
    • Utilizzando dei blocchi come paradigma di interazione, possiamo unificare molteplici interfacce diverse in una sola. Invece di imparare a scrivere shortcode e HTML personalizzati o incollare URL per incorporare contenuti multimediali, esisterebbe un flusso comune e affidabile per l’inserimento di qualsiasi tipo di contenuto.
    • Con “embed discovery di provenienza incerta” ci si riferisce a funzionalità nascoste nel software, caratteristiche che devono essere scoperte. WordPress supporta già un gran numero di blocchi e più di 30 embeds, e cerchiamo quindi di mostrarli.

    Gutenberg è stato sviluppato su GitHub sotto l’organizzazione di WordPress, e puoi provare una versione beta oggi – è disponibile nel repository dei plugin. È importante tenere presente che Gutenberg non è ancora completamente funzionale, completo o pronto per la produzione. Ma ci piacerebbe il tuo aiuto per renderlo tale.

    Q: Quando verrà rilasciato assieme a WordPress?

    A: Ci aspettiamo che Gutenberg sia sufficientemente lucido, testato, iterato e sufficientemente provato da essere integrato in WordPress 5.0, con una data di pubblicazione stimata nel 2018.

    L’attenzione per l’editor è iniziata nei primi mesi del 2017, e i primi tre mesi sono stati impiegati a progettare, a creare prototipi e a verificarli, per aiutarci a capire come affrontare questo progetto. Il plugin vero e proprio, che è possibile installare dal repository, è stato lanciato durante WordCamp Europe a giugno.

    C’è ancora molto lavoro da fare, ma ci stiamo muovendo velocemente. Nuovi aggiornamenti tendono ad essere rilasciati su base settimanale. Aiutateci fornendo idee, problemi di superficie, test o anche contributi, in modo da essere pronti in tempo per WordPress 5.0.

    Q: Cosa sono i blocchi e perché vengono utilizzati?

    A: L’attuale editor di WordPress è una finestra di testo aperta: è sempre stata una meravigliosa tela bianca per scrivere, ma quando si tratta di creare articoli e pagine con immagini, contenuti multimediali e incorporati dai social media, sondaggi e altri elementi, è necessaria una mistura di approcci diversi che non sono sempre stati intuitivi:

    Libreria multimediale / HTML per immagini, file multimediali e approvati.

    • Link incollati per gli embeds.
    • Shortcode per risorse specializzate provenienti da plugin.
    • Immagini in primo piano per l’immagine nella parte superiore di un articolo o di una pagina.
    • Estratti per sottovoci.
    • Widget per il contenuto sul lato di una pagina.


    Mentre pensavamo a questi utilizzi e su come renderli semplici e coerenti, abbiamo iniziato ad abbracciare il concetto di “blocchi”. Tutti gli elementi di cui sopra possono essere blocchi: facili da cercare e da comprendere e semplici da spostare dinamicamente attorno alla pagina. Il concetto di blocco è molto potente e, se progettato in modo ponderato, può offrire un’esperienza editoriale eccezionale.

    Q: Come è l’esperienza di scrittura?

    A: Il nostro obiettivo con Gutenberg non è soltanto quello di creare una semplice modalità di creazione di articoli e pagine. Vogliamo anche assicurarci che fornisca un’esperienza di scrittura perfetta. Sebbene i singoli paragrafi di testo divengano “blocchi”, la creazione e la modifica di questi blocchi sono progettate in modo che siano semplici quanto, se non più, l’attuale processo di WordPress.

    Ecco una breve animazione che illustra l’esperienza di scrittura di Gutenberg

    gutenberg gif

    Q: Esistono scorciatoie da tastiera per Gutenberg?

    A: Sì. Ce ne sono molte! C’è una finestra modale di aiuto che mostra tutte le scorciatoie disponibili.

    Puoi vedere l’intera lista andando sul menu in alto a destra del nuovo editor e cliccando su “Scorciatoie da Tastiera”

    (o usando la scorciatoia da tastiera Maiusc + Alt + H su Linux / Windows e ^⌥H su macOS).

    Questa è la lista canonica delle scorciatoie da tastiera:

    Ecco una breve animazione che illustra come trovare e utilizzare le scorciatoie da tastiera:

    gutenberg gif

    Q: Gutenberg è un estensione di TinyMCE?

    A: No. TinyMCE è uno dei migliori strumenti per creare rich text sul web. In Gutenberg, TinyMCE fa esattamente questo.

    Quasi tutti i campi di testo che trovi sono integrati con TinyMCE per il rich text. Che si tratti di testo, elenchi o anche solo di una singola didascalia, TinyMCE può essere utilizzato tramite blocchi di rich text.

    Q: Quali browser supporta Gutenberg?

    A: Gutenberg funzionerà con browser moderni e Internet Explorer 11.

    La nostra lista di browser supportati può essere trovata nel manuale Make WordPress. Con “browser moderni” intendiamo generalmente le versioni attuali e le due precedenti di ciascun browser principale.

    Q: Come posso creare un mio blocco?

    A: L’API per la creazione di blocchi è un aspetto cruciale del progetto. Stiamo lavorando sulla documentazione e dei migliori tutorial. Consulta la sezione Creazione dei tipi di blocchi per iniziare.

    Q: Gutenberg implica la modifica di articoli / pagine dal front-end?

    A: No, stiamo progettando Gutenberg principalmente come sostituto delle finestre di modifica di articoli e pagine. Detto questo, l’edizione front-end è spesso confusa con un editor che sembra esattamente come il front-end. Questo è qualcosa che Gutenberg permetterà ai temi che personalizzeranno i singoli blocchi e forniranno gli stili all’editor. Poiché il contenuto è progettato per essere distribuito in così tante esperienze diverse, dai desktop e ai feed ai testi completi e alle piattaforme di articoli RSS, riteniamo che non sia l’ideale per creare o progettare post da una sola esperienza front-end.

    Q: Dal momento che Gutenberg è costruito in JavaScript, continueranno a funzionare le vecchie meta box (PHP)?

    A: Il programma é di continuare a supportare le meta box esistenti fornendo allo stesso tempo nuovi modi per estendere l’interfaccia.

    Vedi: Pull request # 2804

    Q: In che modo i plugin possono estendere l’interfaccia utente di Gutenberg?

    A: Il punto principale di estensione che vogliamo sottolineare è la creazione di nuovi blocchi. Stiamo ancora lavorando sul metodo per estendere il resto dell’interfaccia utente costruita in JS. Lo stiamo tracciando qui: Issue #1352

    Q: I Custom Post Types saranno supportati?

    A: Certamente. Esistono diversi modi in cui i Custom Post Types possono sfruttare Gutenberg. Il piano è di consentire loro di specificare i blocchi che supportano, oltre a definire un blocco predefinito per il tipo di articolo. Al momento non è il caso, ma se un tipo di articolo disabilitasse il campo del contenuto, la sezione “avanzata” in basso riempirebbe la pagina.

    Q: Ci saranno colonne?

    A: Il nostro obiettivo principale è su una solida base di blocchi prima di esplorare il supporto delle colonne.

    Vedi: Issue #219

    Q: Ci saranno blocchi nidificati?

    A: Stiamo al momento implementando l’infrastruttura per il supporto dei blocchi nidificati. Ci aspettiamo che questo apra ulteriori opportunità di personalizzazione. Gli autori di blocchi possono anche nidificare componenti e HTML all’interno di un blocco durante la costruzione. L’interfaccia utente per la manipolazione dei blocchi nidificati è ancora in fase di perfezionamento e, a seconda dei tempi, potrebbe non essere inclusa nella prima versione di Gutenberg.

    Vedi anche Issue #428

    Q: Il drag and drop sarà utilizzato per riorganizzare i blocchi?

    A: Un valore chiave per Gutenberg è stato quello di vedere il drag and drop come un miglioramento aggiuntivo. Quando esistono azioni esplicite (click o tab + spazio) é possibile aggiungere il drag and drop come miglioramento su di esse. Quindi sì, ci aspettiamo che il drag and drop faccia parte di Gutenberg, anche se oggi non lo è.

    Q: I temi possono aggiungere stili ai blocchi?

    A: Sì. I blocchi possono fornire i propri stili, che i temi possono aggiungere o sovrascrivere, oppure non fornire affatto stili e fare pienamente affidamento su ciò che fornisce il tema.

    Q: Come funzionano gli stili dei blocchi sia nel front-end che nel back-end?

    A: I blocchi saranno in grado di fornire stili CSS di base strutturali, e i temi possono aggiungere i propri stili sopra di loro. Alcuni blocchi, come ad esempio un Separatore (lt;hr />

    ), probabilmente non avranno bisogno di stili front-end, mentre altri, come una Galleria, ne avranno bisogno.

    Altre caratteristiche, come le nuove opzioni di allineamento ampio e pieno, saranno semplicemente le classi CSS applicate ai blocchi che offrono questo allineamento. Stiamo considerando come un tema potrebbe optare per questa funzione, ad esempio utilizzando add_theme_support.

    Vedi: Supporto per i temi

    Q: Come funzionano gli stili dell’ editor?

    A: Gli stili di editor regolari sono attivati e funzioneranno come nella maggior parte dei casi. I temi possono anche caricare fogli di stile aggiuntivi utilizzando il seguente hook:

     

    function gutenbergtheme_editor_styles() {
        wp_enqueue_style( 'gutenbergtheme-blocks-style', get_template_directory_uri() . '/blocks.css');
    }
    add_action( 'enqueue_block_editor_assets', 'gutenbergtheme_editor_styles' );

     

    Dettagli: Stili dell’editor

    Q: Gutenberg renderà il mio plugin obsoleto?

    A: L’obiettivo di Gutenberg non è quello di mettere persone fuori mercato. È per evolvere WordPress in modo da avere più mercato in futuro, per tutti.

    Oltre ad abilitare una ricca esperienza di creazione di articoli e pagine, un obiettivo implicito è spostare WordPress in avanti come piattaforma. Non solo modernizzando l’interfaccia utente, ma modernizzandone le fondamenta.

    Ci rendiamo conto che è un grande cambiamento. Pensiamo anche che ci saranno molte nuove opportunità per i plugin. È probabile che WordPress venga spedito con una serie di blocchi di base, ma ci sarà molto spazio per plugin premium altamente personalizzati per potenziare i blocchi esistenti o per aggiungere nuovi blocchi a quelli disponibili.

    Q: Potrò non utilizzare Gutenberg per il mio sito?

    A: Stiamo cercando modi per rendere Gutenberg configurabile per la maggior parte dei casi d’utilizzo, compresa la disattivazione di aspetti diversi (come blocchi, pannelli, ecc.).

    Esiste anche un blocco “Classico”, che è praticamente uguale all’editor corrente, ma in forma di blocco. Probabilmente ci sarà anche un popolare plugin nel repository per sostituire Gutenberg con l’editor classico.

    Q: Come funzioneranno i pulsanti personalizzati di TinyMCE in Gutenberg?

    A: I pulsanti personalizzati di TinyMCE continueranno a funzionare nel blocco “Classic”, che è una versione a blocchi dell’ editor classico di oggi.

    (Gutenberg viene fornito con un nuovo strumento di inserimento universale, che consente di accedere a tutti i blocchi disponibili, ricercabili, ordinati per scadenze e categorie. Questo strumento di inserimento offre le basi a tutti i plug-in che aggiungono contenuto all’editor e fornisce un’unica interfaccia per imparare ad utilizzarlo.)

    Q: Come funzionano gli shortcode con Gutenberg?

    A: Gli shortcode continueranno a funzionare come fanno ora.

    Tuttavia vediamo il blocco come un’evoluzione dello [shortcode]. Invece di dover digitare il codice, è possibile utilizzare il vassoio di inserimento universale per selezionare un blocco e ottenere un’interfaccia più ricca sia per quanto riguarda la configurazione del blocco che per l’anteprima. Raccomanderemmo agli utenti di aggiornare i propri shortcode in modo che diventino blocchi.

    Q: Dovrei trasformare gli shortcode in blocchi di contenuto?

    A: Pensiamo di si. I blocchi sono progettati per essere visivamente rappresentativi dell’aspetto finale e probabilmente diventeranno il modo consueto con cui gli utenti scopriranno e inseriranno contenuti in WordPress.

    Q: Gutenberg sarà reso adeguatamente accessibile?

    A: L’accessibilità non è un pensiero secondario. Al momento non tutti gli aspetti di Gutenberg sono accessibili. Puoi consultare i problemi rilevati qui. Capiamo che WordPress è per tutti e che l’accessibilità riguarda l’inclusione. Questo è un valore chiave per noi.

    Se desideri contribuire all’accessibilità di Gutenberg, siamo sempre alla ricerca di più persone per testare e contribuire.

    Q: Esistono risorse di design per Gutenberg?

    A: Sì, principalmente nei principi di progettazione.

    Continuiamo ad aggiungere altra documentazione.

    Q: Come vengono memorizzati i dati? Ho notato dei commenti HTML, qual è il loro scopo?

    A: Il nostro approccio, come delineato nell’introduzione della panoramica tecnica, consiste nell’aggiungere altri dati a quelli esistenti in modo tale da non compromettere contenuti ultra-decennali creati con WordPress. In altri termini, ottimizzando per un formato che privilegia la leggibilità umana (il documento HTML del Web) e per un formato di semplice consumo della macchina (JSON in post-meta) che principalmente aiuta il contesto di modifica.

    Questo ci dà anche la flessibilità di archiviare quei blocchi che sono intrinsecamente separati dal flusso di contenuti (pezzi riutilizzabili come widget o piccoli elementi di tipo post) altrove, e mantenere facilmente i riferimenti dei token per il loro posizionamento.

    Ti suggeriamo di guardare la lingua di Gutenberg per saperne di più su come funziona questo aspetto del progetto.

    Q: Come posso ottenere il contenuto del post in blocchi in PHP o JS?

    A:

    In Javascript:

    var contentuto_blocchi = wp.blocks.parse( postContent );

    In PHP:

    $contentuto_blocchi = gutenberg_parse_blocks( $post_content );

    Q: Perché dovrei iniziare a usarlo una volta pubblicato?

    A: È probabile che i blocchi diventino il modo principale in cui gli utenti interagiranno con i contenuti. Gli utenti scopriranno funzionalità del nuovo strumento universale di inserimento, con un’interfaccia a blocchi più ricca che offre maggiori opportunità di layout.

    Q: Quali caratteristiche saranno disponibili al momento del lancio? Qual’ é il piano dopo il rilascio?

    A: Dopo il focus sull’editor nel 2017, l’attenzione si concentrerà poi sulla personalizzazione e nella costruzione dei siti. Dall’articolo di introduzione:

    Inizialmente, lo strumento “Personalizza” aiuterà l’editor e aiuterà poi a trasformare questi elementi base in qualcosa che potrebbe consentire la personalizzazione “fuori dagli schemi” di post_content, incluse le barre laterali e forse anche un intero tema.

    Con l’editor, gettiamo le basi per cose più importanti per quel che riguarda il creare e il personalizzare le pagine.

    Sono previste molte funzionalità, troppe da elencare. Ma una tabella di marcia approssimativa è: v1) editor di articoli e pagine v2), modelli di pagina v3) costruzione dei siti.

    Q: WordPress è già la piattaforma di pubblicazione più popolare al mondo. Perché cambiare l’editor?

    A: Essendo un progetto open source, crediamo che sia fondamentale per WordPress continuare a innovare e a lavorare per rendere l’esperienza di base intuitiva e piacevole per tutti gli utenti. Come progetto comunitario, Gutenberg ha il potenziale per ottenere proprio questo, e siamo entusiasti di perseguire questo obiettivo insieme. Se desideri testare, contribuire o offrire feedback, ti ringraziamo e ti invitiamo a farlo qui.

  • Il topic ‘Gutenberg F.A.Q’ è chiuso a nuove risposte.