Pagine

In WordPress puoi inserire i contenuti del tuo sito come “articolo” o “pagina”. Quando scrivi il contenuto di un blog, scrivi un articolo. Gli articoli, come configurazione predefinita, appaiono in ordine cronologico inverso sulla home page del tuo blog.

Al contrario, le pagine sono per contenuti non cronologici: pagine come “Chi Siamo” o “Contatti” ne sono esempi comuni. Le pagine vivono al di fuori della normale cronologia del blog e sono spesso utilizzate per presentare informazioni senza tempo su se stessi o sul proprio sito – informazioni che sono sempre rilevanti. Puoi usare le pagine per organizzare e gestire la struttura dei contenuti del tuo sito web.

Oltre alle comuni pagine “Chi Siamo” e “Contatti”, altri esempi includono “Servizi”, “Privacy Policy” o “Termini e Condizioni”.

In generale, le pagine sono molto simili agli articoli, in quanto hanno entrambi titoli e contenuti. I file modello del tema di WordPress mantengono un aspetto coerente in tutto il sito. Le pagine, tuttavia, hanno diverse distinzioni chiave che le rendono diverse dai post.

Cosa sono le pagine

  • Le pagine si riferiscono a contenuti che non dipendono specificamente dal tempo o che non sono “contenuti del blog”.
  • Le pagine possono essere organizzate in pagine e sottopagine
  • Le pagine possono usare diversi modelli di pagina, inclusi modelli di file, Template Tags e altro codice PHP.
  • Temi più sofisticati possono fornire una gamma più ampia di regolazioni o opzioni di visualizzazione per le singole pagine.
  • È possibile realizzare un sito web utilizzando WordPress che contenga solo pagine

Cosa non sono le pagine

  • Le pagine non sono articoli, quindi non appaiono nelle viste cronologiche di una sezione del blog di un sito web (archivi del blog).
  • Le pagine per impostazione predefinita non consentono l’associazione di tassonomie (categorie, tag e qualsiasi tassonomia personalizzata). È possibile farlo tramite i plugin.
  • La struttura organizzativa per le pagine deriva da una relazione gerarchica, non da un sistema di categorizzazione. (ad es. Tag o Categorie).
  • Le pagine non sono file. Sono memorizzate nel vostro database, proprio come gli articoli.
  • Anche se è possibile inserire Template Tag e codice PHP in un file modello di pagina, non è possibile inserirli nel contenuto della pagina o dell’articolo senza utilizzare un plugin di WordPress. Attenzione però: l’integrazione del codice PHP direttamente nel contenuto della pagina o dell’articolo può introdurre un problema di sicurezza o un errore inaspettato sul vostro sito web.
  • Le pagine non sono incluse nei “feed” del vostro sito. (ad es. RSS o Atom)
  • Le pagine e gli articoli possono essere interpretati in modo diverso dai visitatori del sito e dai motori di ricerca. Comunemente, i motori di ricerca danno maggiore rilevanza ai contenuti del sito che dipendono dal tempo – gli articoli – perché un articolo più recente su un argomento può essere più rilevante di una pagina statica.
  • Una pagina specifica (o un contenuto specifico) può essere impostata come pagina iniziale statica. I siti web che sono impostati in questo modo hanno di solito una pagina secondaria definita sulla quale vengono visualizzati gli ultimi articoli del blog.

Creazione delle pagine Creazione delle pagine

creare-una-nuova-pagina-in-wordpress

Per creare una nuova pagina, accedere all’installazione di WordPress con un ruolo utente con sufficienti privilegi per creare nuove pagine. Seleziona l’opzione Pagine > Aggiungi pagina per iniziare a scrivere una nuova pagina.

Organizzazione delle pagine Organizzazione delle pagine

Così come puoi avere delle sottocategorie all’interno delle Categorie, puoi anche avere delle sottopagine all’interno delle tue Pagine, creando una gerarchia di pagine.

Ad esempio, un sito WordPress per un’agenzia di viaggi può contenere una singola pagina per ogni continente e paese in cui l’agenzia può organizzare il viaggio. Sotto la pagina intitolata “Africa” ci saranno delle sottopagine per Camerun, Lesotho, Swaziland e Togo. Un’altra pagina genitore “Sud America” conterrà le sottopagine di Argentina, Brasile e Cile.

La struttura delle pagine del sito sarebbe quindi simile a questa.

  • Africa
    • Camerun
    • Lesotho
    • Swaziland
    • Togo
  • Sud America
    • Argentina
    • Brasile
    • Cile

Creazione di una sottopagina Creazione di una sottopagina

  1. Vai in Area amministrativa > Pagine > Aggiungi pagina.
  2. Nel menu a destra “Attributi della pagina”, fai clic sul selettore a discesa “Pagina genitore”. Il menu a discesa contiene un elenco di tutte le pagine già create sul sito.
  3. Seleziona la pagina genitore appropriata dal menu a tendina per rendere la pagina corrente una pagina figlia.
  4. Aggiungi i contenuti alla sottopagina.
  5. Fai clic su Pubblica quando è pronto.

Quando le pagine sono visualizzate in un elenco, la pagina figlia sarà annidata sotto la pagina genitore. Anche i Permalinks delle tue pagine rifletteranno questa gerarchia di pagine.

Nell’esempio sopra riportato, il permalink per la pagina del Camerun sarà:

http://example.com/africa/camerun/

Vai su ↑

Modificare l’URL delle pagine Modificare l’URL delle pagine

Per modificare la parte dell’URL (detta anche “slug”) contenente il nome della pagina, utilizza il pulsante “Modifica” sotto il titolo della pagina nella schermata di modifica della pagina in questione, accessibile dalla scheda Pagine dell’area amministrativa di WordPress.

Vai su ↑

Creazione di un elenco di pagine Creazione di un elenco di pagine

WordPress è in grado di generare automaticamente un elenco di pagine del sito all’interno della barra laterale o del piè di pagina, per esempio, utilizzando un Template Tag chiamato wp_list_pages(). Vedi la pagina wp_list_pages per informazioni su come personalizzare il modo in cui WordPress visualizza l’elenco delle pagine sul tuo sito.

Ci sono anche plugin di WordPress che ti aiuteranno a visualizzare un elenco di pagine all’interno degli articoli e in altre aree del tuo Tema WordPress.

Vai su ↑

Modello di pagina Modello di pagina

Le singole pagine possono essere impostate in modo da utilizzare uno specifico modello di pagina personalizzato (un file modello PHP del tuo tema WordPress, ad es. my-custom-page.php) da te creato all’interno del tuo tema. Vedi “modelli di pagina personalizzati” per le istruzioni su come creare un file modello personalizzato per una pagina. Questo nuovo modello di pagina sovrascriverà quindi il modello di pagina predefinito (page.php) incluso nel tuo tema.

Vai su ↑

La natura dinamica delle pagine di WordPress La natura dinamica delle pagine di WordPress

Una pagina web può essere statica o dinamica. Le pagine statiche, come una normale pagina HTML che si potrebbe creare con Dreamweaver, sono quelle che sono state create una volta e non devono essere rigenerate ogni volta che una persona visita la pagina. Al contrario, le pagine dinamiche, come quelle che si creano con WordPress, hanno bisogno di essere rigenerate ogni volta che vengono visualizzate; il codice per “cosa” generare sulla pagina è stato specificato dall’autore, ma non la pagina vera e propria. Queste utilizzano un codice PHP esteso che viene valutato ogni volta che la pagina viene visitata, e il contenuto viene così generato ad ogni nuova visita.

Quasi tutto in WordPress viene generato in modo dinamico, comprese le pagine. Tutto ciò che viene pubblicato in WordPress (Articoli, Pagine, Commenti, Blogroll, Categorie, ecc…) viene memorizzato nel database MySQL. Quando si accede al sito, le informazioni del database vengono utilizzate dai modelli WordPress del tuo tema attivo per generare la pagina web richiesta.

Un esempio di pagina statica potrebbe essere un documento HTML (senza codice PHP). Il problema con le pagine puramente statiche è che sono difficili da mantenere. Le modifiche apportate alle impostazioni di WordPress, ai temi e ai modelli non verranno propagate a pagine codificate solo in HTML. La funzione Pagine di WordPress è stata sviluppata per sopperire questo problema. Utilizzando Pagine, non dovrai più aggiornare le tue pagine statiche ogni volta che cambi lo stile del sito. Se scritte correttamente, le tue pagine dinamiche si aggiorneranno insieme al resto del tuo sito.

Nonostante la natura dinamica delle pagine, molte persone le definiscono statiche. In realtà sono chiamate pagine web “pseudo-statiche”. In altre parole, una pagina contiene informazioni statiche, ma viene generata dinamicamente. Quindi, sia “statico”, “dinamico” o “pseudo-statico” può essere usato correttamente per descrivere la natura della caratteristica di una pagina WordPress.